L'anvvfc delegazione di Montelibretti nasce nel 1996 per iniziativa di un gruppo di persone che hanno a cuore la difesa del territorio e dei cittadini. Tutto ciò si realizza grazie alla caparbietà ed alla tenacia di un uomo che aveva profondamente a cuore il benessere sociale e la tutela ambientale del nostro paese. Quell'uomo si chiamava Fabio Zozzi . Fu una strada tutta in salita per le mille difficoltà incontrate, in gran parte dovute a una realtà che non recepiva l'importanza della presenza sul territorio di una delegazione di Protezione Civile.


L'assenza di una sede dove riunirsi e fare corsi di aggiornamento rappresentava un problema importante da risolvere. Nonostante ciò la delegazione fu da subito operativa, si iniziarono ad organizzare sqaudre per il monitoraggio del territorio e l'individuazione di discariche abusive, presenti in abbondanza, procedendo alla raccolta dei rifiuti e alla bonifica dei siti. Ci si occupava anche di calamità naturali e avvistamento e prevenzione incendi.


La prima significativa esperienza da affrontare fu il terremoto dell'Umbria e delle Marche in cui i volontari si occuparono della parte logistica attrezzando le roulotte che servivano come ricovero per i terremotati. In secondo tempo si provvedè alla ricerca di alimentari e vestiario per la popolazione di Colfiorito. Nel corso degli anni i volontari hanno continuato ad intervenire in altre emergenze: il Terremoto di San Giuliano di Puglia, lo scoppio di una fuga di gas in via Ventotene a Roma che provocò parecchie vittime, il crollo del tetto della scuola elementare di Montelibretti sono state alcune delle piu importanti emergenze affrontate dalla delegazione. Intanto vengono compiuti grandi sforzi per cercare di far crescere la delegazione anche dal punto di vista organizzativo e nei rapporti con le Istituzioni.


Tutto ciò culmina nell'iscrizione all'Albo Regionale di Protezione Civile che viene accolta nell'anno 2004 e successivamente nell'Albo del Dipartimento di Protezione civile Nazionale. Tutto questo comporta una necessità di sviluppo delle professionalità dei volontari stessi, che si impegnano nella formazione individuale tramite corsi specifici ad hoc, messi a disposizione dalle istituzioni. I corsi in questione sono: Antincendio boschivo, Guida sicura, corsi SAF, uso del defibrillatore, corsi di orientering, corso sub, corso di informatica, corso per formatori di Protezione Civile, corso di contabilità e bilancio ed altri ancora. Grazie alla serietà e all'impegno costante l'Anvvfc del. di Montelibretti riesce ad ottenere la fiducia degli enti istituzionali Regione lazio, Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, riuscendo a sviluppare progetti che portano ad ottenere in comodato d'uso mezzi a attrezzature di vario genere: un pick-up Mitsubishi L200 e un pick-up Mazda B2500, entrambi adibiti con modulo per l'antincendio boschivo, una tensostruttura 8m x 8m piu un tendone 5m x 5m, un'idrovora carrellata, un carrello spargisale, vari di motoseghe, gruppi elettrogeni, tavoli e panche, pick-up mitsubishi adibito con modulo antincendio, pick-up mazda B2500 attrezzato con modulo antincendio boschivo, autocarro volkswagen utilizzato per trasporto di materiali in caso d'urgenza.


L'esperienza piu' dura degli ultimi anni è stata quella del Sisma Abruzzo 2009. La nostra associazione essendo una delegazione dell'Ass. Naz. Vigili del Fuoco in Congedo è stata attivata per quell'emergenza dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile e già alle ore 5.30 del 6 Aprile 2009 operava nella città dell'Aquila e precisamente presso la Villa Comunale e nelle vie limitrofe a via Venti Settembre in cui si è purtroppo riscontrata una forte perdita di vite umane e di feriti e distruzioni di interi quartieri. Da questa esperienza si è riusciti a testare la capacità e la disponibilità della nostra delegazione e dei volontari stessi, il Giorno 7 Aprile siamo riusciti a montare la tensostruttura da noi in carico presso San Pio delle Camere anch'esso colpito dall'evento sismico, apportando cosi un notevole contributo per far mangiare pasti caldi alla popolazione al riparo dal freddo e dalla neve. Il giorno successivo abbiamo ricevuto l'incarico di allestire un campo di accoglienza presso Casentino (Frazione di Sant'Eusanio Forconese), la macchina organizzativa lavorava a pieno ritmo giorno e notte e la gestione del campo fu demandata al presidente della nostra delegazione Sig. Rodolfo Bontempi che insieme ad altri volontari di altre associazioni della Regione Lazio nel giro di una settimana si è riusciti a completare il campo di prima accoglienza compreso di tende alloggio, tensostruttura mensa, bagni chimici, moduli doccia, elettrificazione campo. Il nostro intervento a Casentino è andato avanti fino al 22 dicembre 2009, giorno della consegna dei MAP (moduli abitativi provvisori) alla popolazione e termine dell'emergenza. Di notevole importanza il lavoro svolto nel 2010 a Castel di Guido dove insieme al comune di Roma e alla Regione lazio è stato installato il campo scuola di Protezione Civile per i ragazzi della scuola media inferiore in cui si insegnava la cultura della protezione civile e del volontariato.